Archivio per aprile 27, 2018

Sperone della Magia: Magic Lina e la Legge del Taglione (val di Mello, Sondrio)

Posted in vie alpinistiche su roccia on aprile 27, 2018 by fraclimb

domenica 22 aprile

RELAZIONE pdf

FOTO

A questo punto Walter lo stagista ha visto tutto: prima era stata la volta del Luca che ora si diverte in giro per il mondo con i Ragni, adesso il Walter è stato formato nella dura scuola di Fraclimb, del Jag e del Pierpa ed è perfettamente cotto a puntino per il corso regionale caiano: l’aquila non potrebbe stare meglio che sul suo villoso petto! Anche la Walter-mobile ha cambiato pelle: sui tornanti per salire a san Martino romba come una Ferrari a Montecarlo, si rifiuta di accedere al parcheggio in Valle e ci porta a quello gratuito del campo sportivo. Noi invece siamo decisamente meno decisi: praticamente abbiamo nominato quasi tutte le possibilità, a parole siamo saliti allo Scoglio delle Metamorfosi, sulle Dimore degli Dei e forse anche sul Precipizio ma alla fine si torna allo Sperone della Magia. Dopo aver mangiato terra e tirato erba provando le stesse emozioni di chi la fuma, oggi mi piacerebbe provare a scalare ma, chiaramente, su qualcosa di impegnativo altrimenti l’apprendistato del Walter andrebbe a farsi fottere!

Alla base di Magic Lina il Davide prende il comando. Corre sulla placca iniziale, salta la sosta e prosegue verso la successiva. Credo avrà avuto il suo bel da fare per tirare le corde ma la distanza siderale col capocordata ci evita di apprendere una nuova sfilza di improperi. Poi riprende la sua corsa e ci tira fuori dalla prima via.

Alla base della parte alta dello Sperone ci guardiamo con un grosso punto di domanda: vai tu? Vado io? Per me è uguale. Sicuri e decisi: ottimo! Da un lato starmene nelle retrovie mi da fastidio, dall’altro ho un certo timore reverenziale per quel VII- del secondo tiro così non mi oppongo alla proposta di Davide di proseguire da capocordata. Alla fine del tiro però mi la patata bollente passa nelle mie mani e io inizio a salire. Sono sotto il diedro verticale: mi aspettavo una fessurina da tirare per poi portarmi sulla parte alta e invece tutto quello che posso stringere è un verticalino stitico. Riesco a toccare il piatto soprastante, un vassoio di muschi e licheni da cui vedo la mano saettare nel vuoto e le caviglie frantumarsi sulla placca sottostante. Provo allora sulla sinistra in corrispondenza di una sosta dell’uomo di Neanderthal: niente, sopra si apre la placca della morte. Devo per forza salire dal diedro verticale ma come? [continua]

Altare: Cerchio di Gesso (val di Mello, Sondrio)

Posted in vie alpinistiche su roccia on aprile 27, 2018 by fraclimb

sabato 21 aprile

FOTO

Sette anni dopo torno sul luogo del misfatto perchè alla domanda “che si fa sabato?” rispondo: “andiamo in Valle?”.

“Si! Dai, buona idea. Cosa facciamo?”

Lì per lì mi trovo spiazzato. A guardare la guida ci sarebbero decine di papabili ma quel nome e soprattutto quel diedro erboso mi sono rimasti in mente così lancio l’azzardo.

“Cerchio di Gesso?”

Lo stagista Walter ci pensa un po’ su poi con un mezzo sorriso mi domanda che difficoltà abbia la via: forse ha iniziato a conoscermi meglio.

“VI e A2”, almeno così dice il Gaddi.

“Ottimo! Ci sto: è un sacco di tempo che volevo andare in Valle! Non ci ho mai scalato”.

Beh, diciamo che come prima esperienza potrebbe esserci qualcosa di meglio eppoi parlare di vera scalata mi pare un po’ troppo ma me ne sto zitto e tranquillo approfittando di una risposta così immediata e decisa che non si vedeva dai tempi del Diedro Maestri.

Poi saggio il terreno con gli altri ravanatori ma l’unico che lascia un filo di speranza è “gambe da merlo” Jag.

Così sabato mattina siamo in tre al solito parcheggio, carichiamo la Punto e partiamo in spedizione. A san Martino l’arietta è quasi frizzante ma sopra il Gatto Rosso si inizia a schiattare: ci sarà da divertirsi sulle placche in alto! Poi arriviamo alla base dell’accesso e iniziamo a ravanare. Il diedro è bagnato: agguanto la fissa che penzola sulla destra e mi tiro su a forza di braccia e poi iniziamo il nostro viaggio nell’orto lungo un diedro che si snoda tra alberi e Herbus Mellicus, la mitica erba della Valle con una tenuta superiore al kevlar e che sta nel limbo tra l’infida traditrice e la benefica risolutrice.

Sul primo vero tiro d’arrampicata saggio l’aderenza, un muretto delicato e poi tanta ma tanta verdura. Ma la vera lotta inizia dopo. Appena lo vedo ho un flashback. Sono più giovane. Ho più sale in zucca e non chiaro quello a cui sto andando incontro. [continua]