Urserental: Stellibodenhorn e Rottallihorn dalla Rotondohutte (Uri)

sabato 13 gennaio

RELAZIONE pdf

FOTO

A dire il vero non sento una grande smania per andare a sciare: mi piacerebbe prendere in mano le picche e testarmi su qualcosa di duro (che poi, visto il mio livello di ghiacciatore, significherebbe un ridicolo scivolo ghiacciato da ridurre in colabrodo con una mitragliata di chiodi) eppure decido di tirare fuori dalla naftalina i legni e confrontarmi col bianco elemento. Sarà forse che questo potrebbe essere il modo migliore per cancellare la prima settimana di lavoro del 2018 che, dovesse ripetersi altre 52 volte, potrebbe portarmi veramente ad abbracciare il caianesimo extreme della morte certa! Così mi trovo col Tommy senza avere la minima idea su quale possa essere la meta di giornata e aggregandomi ad altri due istruttori della scuola col risultato che passerò quasi tutta la giornata a sperare di non fare eccessive brutte figure quando i miei due pezzi d’antiquariato si butteranno in discesa.

A Realp sembra di essere al mare a ferragosto: le auto sono parcheggiate una sull’altra e già sui pendii si vedono frotte di veri caiani partiti prima dell’alba arrancare rigorosamente e diligentemente in fila indiana. Per fortuna che questo dovrebbe essere uno sport lontano dalla ressa! Non ci fasciamo comunque troppo la testa e iniziamo ad accodarci alla fila che imbocca il nostro stesso percorso dove devo giocare le mie carte e guadagnare i punti necessari per uscire con almeno un 6 a fine giornata anche se, considerando il detto “chi ben comincia è a metà dell’opera”, non getto certo delle solide fondamenta: dopo aver infatti mostrato sci e attacchi da museo, bastano poche spinte sul manto nevoso per iniziare a seminare la coda della pelle destra, fatto che mi costringe ad un indesiderato pit stop a pochi metri della partenza. Risolto quindi alla bene e meglio l’inconveniente, mi ritrovo già ben lontano alle chiappe del terzetto che quindi devo cercare di raggiungere il più rapidamente possibile se non voglio precipitare abbondantemente sotto lo zero. Inizia così la mia rincorsa che, per fortuna, sarà l’unica di giornata mentre continuo a ricordarmi di non strafare onde evitare l’improvviso collasso finché mi accodo al Tommy dando modo ai potenti quadricipiti di smetterla di bruciare. Superiamo così il bivio per lo Stotxigen Firsten e poi ci addentriamo verso la Rotondohütte con l’ambizioso progetto di aggirare il Rottällihorn per poi raggiungerne la cima dal versante opposto a quello di discesa. [continua]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: