Val Malenco: capanna Gerli Porro e lago Pirola (Sondrio)

lunedì 01 agosto

RELAZIONE pdf

FOTO

Questa volta non ci vogliamo risparmiare: ieri mi sono ricordato delle mie antiche origine di fogna umana spazzando un piattazzo di pizzoccheri, una porzione di sciatt e una salamella con panino alla sagra di Teglio e, a dire il vero, avrei potuto darci ancora dentro, e oggi è il momento di bruciare i grassi accumulati. Non che abbia problemi con l’ago della bilancia (che tra l’altro non posseggo), semplicemente è ora di dare un calcio all’ozio e ricordarsi che l’escursionismo, in fondo, è l’arte primitiva del caiano. Così tiro fuori la val Malenco, più che altro perchè ho un vago ricordo di un’interessante gita fatta con l’AG diversi anni fa anche se mi guardo bene dal dire a Micol che tra il parcheggio e l’imbocco del sentiero la mia memoria è come un buco nero! Inizialmente quindi confido solo in quello che sarà e nell’indispensabile spirito d’avventura anche se poi, a poche ore dalla partenza, la sorte viene a darci una mano sotto forma di cartoleria con, in bella mostra, una mappa della nostra vallata! Così ci avviamo verso la nostra meta ignari che un esercito di nuvole minacciose sia già schierato con l’evidente e poco raccomandabile intenzione di darci battaglia. Quando ci troviamo quindi col nemico davanti, non mi resta che frugare nei meandri della memoria, dare un occhio alla carta e trovare una soluzione per evitare lo scacco matto del tempo. Intanto il cielo inizia a fare le bizze, forse impazzito anche lui per la nostra mossa inattesa: ora si aprono infatti ampi spazi d’azzurro mentre, a tratti, masse grigie passano clandestinamente il confine cercando di tuffarsi verso sud. Insomma, la situazione caotica scombussola sempre di più l’indecisione che abbiamo in testa! Per il momento quindi ci accontentiamo di salire al rifugio Gerli Porro e poi si vedrà. Ci avviamo quindi lungo la comoda mulattiera di cui ricordo molto bene il fondo a causa di un trolley che avevo dovuto trascinare mentre, universitario, accompagnavo una scolaresca in gita! Ricordo anche che al rifugio si mangiava molto bene, fatto già sperimentato col corso d’alpinismo nel lontanissimo 2002 e col successivo stage dell’università. [continua]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: