Pizzo d’Eghen: via Filippo Corridoni o camino Cassin (Grigna)

domenica 31 luglio

RELAZIONE

FOTO

Cosa spinge un uomo negli anni ‘30 a salire per un orrido budello, umido, muschioso, a tratti intasato d’erba, senza alcuna speranza di essere sfiorati da un raggio di sole e per di più su una parete nascosta e defilata? Il desiderio di passare là dove nessun uomo ha messo ancora piede; la sete di avventura; la curiosità verso ciò che è nuovo, sconosciuto. Ma cosa spinge un uomo a ripercorrere nel 2000 quello stesso tracciato, ben sapendo dove andrà a finire? Sempre e solo il caianesimo!

Basta solo pronunciare il nome Eghen che il caiano si rizza subito in piedi sull’attenti: si sente immediatamente chiamato in causa vuoi per l’avvicinamento, vuoi per l’esposizione della parete, d’altro canto ben sa che questa parete è il suo indiscusso regno. Non posso quindi tirarmi indietro al richiamo di Cece quando butta lì la sua proposta: subito sfoglio la guida, giusto per ripassare quelle pagine consunte dalla continua consultazione anche se l’obbiettivo non può che essere la classicissima Cassin.

Se già l’avvicinamento è un’avventura, l’orario di ritrovo non vuole certo essere da meno: ore 5 da Cece! Alle 6 stiamo già camminando sulla comoda mulattiera al cui termine imbocchiamo la traccia sbagliata. Andiamo bene, se iniziamo a prendere cantonate appena lasciata l’unica strada, non arriveremo mai alla parete! [continua]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: